Vi ho mai detto che non piacciono molto le masse?

Tanto,
impegnandosi a convincerne uno per volta non è che si guadagni
molto. Infatti guarda qui il corso della Città. (Nota: il
flashback è terminato e anche il pranzo).

C’è una qualche manifestazione che attrae un sacco di gente.
Sento addirittura parlare dialetti differenti dal consueto. Cazzo!
Non si cammina neppure. Proprio belle queste manifestazioni:
riempiono parcheggi, ristoranti, bar, alberghi, i negozianti (la mia
categoria!) sono ben felici. Ma la piazza di che cosa è
riempita e per cosa?

Boh!

Qualche anno fa di questi tempi uscivo con una tipa. Mi fece una
settimana di noia per andare a Perugia a Eurochocolate. Alla
fine mi sono lasciato convincere e sono partito per una delirante
giornata sotto il segno del disagio sociale all’ennesima potenza. A
Perugia ogni tanto ci passo o ci capito per esigenze di lavoro, è
una bella città, però ha un piccolo difetto: si trova
sulla cima di un colle e a parte un raccordo autostradale, non ha vie
d’accesso veramente comode. Ragionate un minuto su cosa si può
incontrare in una giornata in cui mezzo milione di persone vogliono
andare tutte nello stesso luogo. Vi salvo poi nella descrizione
dell’operazione di parcheggio, della ricerca di servizi igenici e del
trasporto pubblico. Quelle sono cose che accadono ovunque. Una cosa
che non ho mai visto altrove (ma lo ammetto, non è che vado
molto in giro per questo genere di fiere) è una piazza invasa
da cose che non c’entrano per niente con la città. E ma
Perugia non è la città del Bacio? Mi direte. Sì,
chiaro, c’è lo stabilimento (che sta in mano alla Nestlé,
ossia a una delle più zozze multinazionali del globo), ma se
ci passi in un giorno qualunque dell’anno, per trovare l’unico
negozio stabile di Baci Perugina devi faticare non poco! Francamente
non ho mai associato Perugia con il cioccolato, casomai con la
fontana, con i suoi pittori, con la bella architettura.

E poi: “ho visto cose che voi umani ritenete divertenti”. Tipo
ragazze che andavano in giro con con i capelli impiastricciati di
cioccolato, padri di famiglia con delle corone fatte con palloncini
(ma a me sembravano preservativi colorati) legati tutti insieme. Ma
tutto questo, per cosa? Comprare del fondente a 5 euro il chilo? E la
Madonna!

Ah! Non stravedo neppure per la cioccolata.

P.Ag

Annunci

Informazioni su rinascenza

-Ceramista -Molto altro
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...